Rubriche
Chi legge, in Italia, è sempre minoranza
22 Gennaio 2014

In Italia si leggono poco i giornali: solo il 49,4% dei cittadini al di sopra dei sei anni sfoglia un quotidiano almeno una volta a settimana , secondo quanto dice l’Annuario statistico Istat 2013. L’abitudine all’informazione, soprattutto cartacea, cresce tra gli adulti di sesso maschile, che sono i lettori più assidui: il 61,7% dei 55-59enni legge un quotidiano con frequenza quanto meno settimanale, a dispetto del 44% delle donne della medesima età. I giovani preferiscono recepire news e informazioni online, magari attraverso i social network come Twitter o Facebook, piuttosto che dedicarsi agli approfondimenti su carta o alla lettura di articoli sui portali delle testate nazionali. In generale, l’attenzione per la lettura è scarsa: solo il 43% del campione Istat ha letto libri per puro piacere nel corso degli ultimi dodici mesi . In questo caso sono le donne a frequentare con più assiduità romanzi e saggi, nel 49,3% dei casi, a dispetto di un pubblico maschile fermo al 36,4%. Le lettrici forti (il 14,8%) hanno terminato in media dodici o più volumi durante l’anno, mentre tra gli uomini la quota si ferma al 12,6%. 

Quo Media una pubblicazione Diesis Group
Direttore responsabiile: Giorgio Tedeschi 

Privacy
Cookies

Registrazione del tribunale di Milano n° 799 del 28/12/2006.
Redazione: via A. Volta, 7 • tel. 02 62693.1
redazione@quomedia.it