Media
Microsoft risponde alle accuse antitrust dell’Ue su Explorer
29 Aprile 2009

Microsoft ha dato una prima risposta alla Commissione europea riguardo le accuse fattele dall’Antitrust del Vecchio Continente a inizio anno. Il contenuto della deposizione scritta della compagnia americana non è stato rivelato. Il 15 gennaio scorso, l’Ue aveva aperto un’investigazione sul colosso del software per abuso di posizione dominante. Questo a causa della commercializzazione del browser  Internet Explorer nel pacchetto Windows, il sistema operativo che domina il mercato dei pc, danneggiando così i produttori rivali, l’innovazione e la scelta dei consumatori. Explorer ha il 67,4% delle quote di mercato del settore, secondo dati di febbraio, con Firefox di Mozilla secondo a distanza a circa il 22%.  Il 28 aprile scadeva il termine utile per Microsoft per presentare una memoria difensiva, consegnata dunque in tempo utile. L’azienda di Redmond potrebbe essere costretta dalla Commissione europea a vendere Explorer separatamente, oppure a inserire altri browser nei programmi di Windows.

Quo Media una pubblicazione Diesis Group
Direttore responsabiile: Giorgio Tedeschi 

Privacy
Cookies

Registrazione del tribunale di Milano n° 799 del 28/12/2006.
Redazione: via A. Volta, 7 • tel. 02 62693.1
redazione@quomedia.it